Come ottimizzare il telelavoro?

Quando dici di lavorare nel settore della comunicazione a un primo appuntamento, o quando i tuoi amici ti chiedono del tuo lavoro nel fine settimana, c’è una specie di nuvola intorno a te, l’hai notato?

A metà strada tra i 99 franchi (che hanno già 20 anni!) e le fantasie su Google e la Silicon Valley, rappresentate una sorta di élite avanguardista, creativa, appassionata e cool (emoji qui?).

Grazie a Shutterstock per questa bella illustrazione della vita di agenzia.

Quindi, naturalmente, il tavolo da ping-pong, l’ufficio flessibile, le sessioni di brainstorming e gli escape games con i colleghi vi sono familiari.

Quindi che sorpresa quando il vostro manager vi rifiuta i vostri 1/2/3 giorni di telelavoro a settimana (spuntate la casella)… Vi chiederete:

Perché alcune agenzie sono restie al telelavoro?

Siete attrezzati per questo. E vi ha aiutato a finire il reco di Panzano o a rispondere al cliente di L’Oréole il giorno in cui stavate aspettando il fattorino di Darty o quando Junior aveva la varicella.

Avete un bel Mac Book Pro per questo scopo. Un iPhone 48. E un accesso completo al drive dell’agenzia. Sapete anche come reindirizzare le chiamate dal telefono fisso al cellulare in 15 secondi con la mano sinistra (vi siete sfidati una sera a un cocktail party, ma non è questo il punto).

State tranquilli, non siete soli. Sorprendentemente, molte agenzie (digitali e non) sono ancora restie a far lavorare i propri dipendenti da remoto per tutta o parte della settimana.

Durante il Covid, dopo un periodo di confino in cui tutti avevano iniziato a entrare in sintonia, sembra sorprendente che, una volta terminato l’allarme, a tutti questi dipendenti del settore terziario, re dei servizi intellettuali, sia stato chiesto di tornare nei loro uffici, con il trasporto pubblico come bonus.

Perché, ma perché? Diamo un’occhiata alle ipotesi ricevute.

Mito n°1: dobbiamo essere fisicamente insieme per creare valore in agenzia.

Prima di tutto, è quello che supponete.

Il brainstorming è migliore quando siamo tutti nella sala riunioni, a sudare sul banco del Burger Queen”.

Ci confrontiamo, discutiamo, ci lasciamo trasportare e finiamo per trovare le tre tracce che vogliamo per domani. E poi, come possiamo dare un feedback a Ben dal processo creativo senza stare accanto a lui per mezza giornata, condividendo fiato e Haribo?

Per non parlare della riunione del lunedì che è imperdibile!

Dagli anni 2000, tuttavia, i ricercatori hanno ripetutamente dimostrato che la convinzione che lo sforzo di gruppo produca maggiore creatività è un mito.

Un’analisi di 241 studi diversi che hanno coinvolto 24.000 soggetti, pubblicata sul Psychological Bulletin, ha concluso che la presenza degli altri non ha quasi alcun effetto sull’esecuzione dei compiti, e certamente non nel modo in cui Osborn sperava.

La presenza di altre persone “aumenta la rapidità di esecuzione di compiti semplici e diminuisce quella di compiti complessi”.

Mito 2: Il telelavoro rovina la coesione del team?

Vi siete candidati qui dopo aver visto le foto Insta delle feste ed esservi iscritti allo Snapchat dell’agenzia. Ovviamente, quando si hanno 30 anni (+10 anni), l’atmosfera, le relazioni tra colleghi sono importanti.

Vi piace parlare delle vostre vacanze durante la pausa caffè. Scoprire il ristorantino della zona che non sembra buono ma è troppo buono con loro. E concludere le intense settimane con un meritato dopolavoro.

Eppure, molte agenzie hanno optato per il telelavoro e alcune hanno addirittura rinunciato ai loro uffici dopo il lockdown! Vengono quindi regolarmente organizzati incontri fisici sotto forma di teambuilding o seminari. E questo sembra essere un successo per i dipendenti…

Ovviamente siamo animali sociali e abbiamo bisogno del contatto con gli altri, ma con il più recente isolamento è emerso che una sorta di convivialità professionale potrebbe esistere anche in modalità virtuale.

Mito 3: La distanza è una vacanza per i team.

Il principale ostacolo al telelavoro, ammesso o meno, è talvolta la convinzione dei dirigenti che la produttività crollerà.

E questo è spesso vero se non si ripensa l’organizzazione: ancora troppo spesso, i dirigenti aziendali e i responsabili delle divisioni operano in perdita. Perché da lontano è impossibile verificare quanto Martine o Franck siano impegnati.

Possiamo capire che a marzo la situazione abbia colto di sorpresa i titolari dell’agenzia. Nessuno si aspettava una pandemia, e di certo non un lockdown.

Da allora, alcune aziende sono riuscite a uscire dal giro e ad andare avanti. Si tratta delle strutture più agili, più capaci di adattarsi e ripensare la propria organizzazione e i propri metodi operativi.

Le dimensioni possono avere un impatto, ma non necessariamente. Le piccole agenzie possono essere bloccate in una modalità operativa storica… mentre i grandi gruppi sono stati veloci nel dotarsi degli strumenti e dei processi giusti.

Noi di Furious abbiamo avuto la fortuna di essere particolarmente richiesti in quel periodo.

In effetti, molte agenzie non erano preparate a gestire operazioni a distanza… Di conseguenza, alcune di esse si sono trovate completamente alla cieca durante questo periodo, e i problemi sono numerosi:

Tuttavia, è fondamentale che il personale operativo sia supportato e che i manager siano assistiti nella loro supervisione a distanza. Abbiamo quindi lavorato duramente per garantire che i nostri nuovi clienti possano approfittare della situazione per riorganizzare e digitalizzare i loro processi e strumenti.

E funziona! Pronti a provare? Contattateci!

logo Furious

Inscrivez-vous à notre newsletter

Vous recevrez chaque mois toute l’actualité de FURIOUS