webleads-tracker

Come reclutare e assumere i migliori talenti in un mercato competitivo?

talent-attraction

Ogni imprenditore o manager sa quanto sia importante il processo di talent attraction e recruitment. Infatti, una cattiva scelta può mettere in discussione l’intero equilibrio del team…

E quando si tratta di una società di servizi, che vende il proprio tempo, diventa ancora più strategico non commettere errori (anche se inevitabilmente accadono).

Sia i nostri clienti, i nostri partner, o persino noi stessi qui in Furious, siamo tutti confrontati con questa sfida cruciale: trovare quella persona eccezionale che sarà un vero valore aggiunto per il vostro team.

Il mercato delle Software House, delle agenzie di comunicazione, del digitale è saturo: molto turnover (a causa di una mancata corrispondenza tra dipendente e azienda?), una carenza di profili qualificati e di conseguenza una corsa verso salari indecenti per riuscire a reclutare (e trattenere) i migliori talenti.

Ma lo stipendio da solo non basta. Lo avevamo già discusso nel nostro articolo sulle buone ragioni per valutare la soddisfazione dei collaboratori.

E quando si è in competizione con grandi aziende o giganti del mercato, non sempre si può competere. Eppure, un profilo eccellente è ancora più importante quando il team è piccolo!

Un vero rompicapo…

Come attrarre i migliori profili in un mercato così competitivo?

1. Mettersi nei panni dei recruiter

Proprio come si utilizzano i buyer persona per comprendere il consumatore finale, è importante che, in quanto reclutatori, cerchiate di mettervi nei panni dei vostri futuri assunti.

Questo vi permette di scoprire altre fonti di motivazione oltre allo stipendio. Parliamo della tendenza in forte espansione del lavoro da remoto.

Oyster ha condotto un sondaggio tra lavoratori del settore intellettuale e delle società di servizi del Nord America (Stati Uniti e Canada), del Regno Unito e dell’Europa (in particolare Francia, Portogallo, Italia, Spagna, Germania, Belgio, Irlanda, Paesi Bassi e Danimarca).

Ne emerge che la flessibilità nel contesto, nel luogo e negli orari di lavoro è un elemento primordiale nella scelta di un nuovo impiego. È addirittura la seconda priorità per tutte le fasce d’età; “la possibilità di lavorare da qualsiasi luogo” arriva al terzo posto. Naturalmente, l’effetto Covid ha rafforzato questa domanda.

In sintesi:

Secondo un articolo di Forbes del 4 settembre 2022, LiveCareer, che ha intervistato diverse generazioni di lavoratori sulle loro aspettative, rivela che tutte oggi sono in attesa di flessibilità (76% dei Millennials, 69% della Generazione Z e 64% della Generazione X esprimono questa aspettativa).

statistiques-employes-travail-full-remote

Estratto dallo studio Oyster

Furious, come software di gestione aziendale, è qui per assistere e gestire quotidianamente i team, ovunque si trovino, anticipare le esigenze e alla fine alleggerire il carico mentale e restituire tempo a chi lavora.

Infatti, siamo convinti che il digitale nel senso più ampio sia al servizio degli uomini – e non viceversa – e possa migliorare la vita di tutti: più inclusivo, meno lavoro, meno vincoli geografici, una migliore organizzazione dei flussi e la possibilità di automatizzare ciò che ha scarso valore aggiunto.

Questa convinzione si applica naturalmente anche al nostro modo di operare internamente.

Furious è un’azienda FULL remote. I nostri dipendenti possono lavorare da dove vogliono purché rispettino il fuso orario collegato ai loro clienti/al loro team. In questo modo possono dare il meglio di sé dal luogo in cui si sentono più felici, compresi i nostri uffici flessibili sparsi per il mondo. In effetti, più della metà dei team non risiede nei pressi degli uffici.

Perché i veri talenti non sono necessariamente nello stesso raggio d’azione… E offrire un equilibrio tra aspirazioni personali e professionali è un vero valore aggiunto durante il reclutamento. La flessibilità sugli orari di lavoro è anche un vantaggio. Da Furious, contano solo i risultati, non le ore trascorse a lavorare.

Naturalmente, questo tipo di organizzazione comporta diverse cose:

2. Considerare l’employer branding

Come per il tuo marketing rivolto ai tuoi target commerciali, è evidente che per sedurre i giusti profili devi comunicare chiaramente per valorizzare la tua immagine tra i futuri collaboratori potenziali.

Ecco perché il marketing si è unito ai dipartimenti HR delle aziende: la concorrenza è agguerrita per attrarre i migliori talenti e l’employer branding è una strategia di comunicazione a sé stante!

I valori aziendali devono essere chiaramente espressi, così come i vantaggi di lavorare con te.

Esistono diverse piattaforme, dalla piattaforma di recruitment alla pagina Carriere del tuo sito web, passando ovviamente per i tuoi social media, con LinkedIn in testa.

Come per ogni piattaforma di brand, la prima domanda da porsi è: “uno dei miei concorrenti avrebbe potuto dire la stessa cosa?”

Se la risposta è sì, biiiiiip, bisogna rivedere tutto!

L’immagine della tua azienda deve essere attraente e differenziata.

Attenzione, il tuo employer branding non è destinato solo all’esterno: anche le tue popolazioni interne saranno esposte e sarà un supporto per la gestione delle risorse umane.

È quindi ovvio che ciò che promuovi all’esterno deve essere un riflesso di ciò che metti in atto “nel mondo reale”.

Niente di peggio di una bella vetrina e ritorni interni contrastanti sui social media!

Infatti, l’employer branding non serve solo ad attirare i migliori candidati, ma anche a fidelizzarli.

In un settore così competitivo come quello delle agenzie, delle società di consulenza o delle start-up, non mancano le opportunità per cambiare posto di lavoro.

La generazione più giovane è particolarmente sensibile ai valori e all’autenticità dell’azienda per cui lavora.

Ad esempio, qui da Furious abbiamo voluto andare oltre nel nostro impegno sociale e ambientale e questo parla molto a tutta la squadra. Ogni anno devolviamo l’1% del nostro fatturato a cause umanitarie o ambientali tramite il programma onepercentfortheplanet.fr. Che facciamo profitti o meno.

Questa iniziativa, che non avevamo necessariamente messo in evidenza nelle nostre offerte di lavoro, è ora specificata. Perché è un elemento differenziante sul nostro mercato.

3. Munirsi degli strumenti giusti

Se anche la tua mamma aveva l’abitudine di ripeterti che si lavora bene solo con buoni strumenti, aveva ragione!

Se vuoi essere performante nel tuo recruitment e nel tuo follow-up delle risorse umane, è ovvio che devi avere buoni cruscotti per gestire e pilotare.

Come un CRM efficace, connesso ed ergonomico è un plus per le prestazioni dei tuoi commerciali, lo stesso vale per il tuo HRIS (Human Resource Information Systems).

Dai nostri workflow di reclutamento intelligenti, alla gestione della qualità delle risorse umane (onboarding collaboratori, meeting annuali, valutazione automatica, gestione delle ferie in un clic, smart-working, questionario di soddisfazione dei collaboratori automatizzato), fino alla gestione dei team e dei bisogni interni, abbiamo pensato a tutto per semplificarti la vita.

Nella parte di reclutamento, Furious si integra con le tue diverse piattaforme di contatto e ti consente di automatizzare la gestione delle candidature. Puoi selezionare, rispondere e seguire il processo di reclutamento direttamente all’interno del sistema.

board-recrutement-furious

E per i tuoi collaboratori, Furious ti aiuta a monitorare la loro carriera: gestione dei colloqui, consolidamento dei feedback da parte dei clienti/del team, note e osservazioni del collaboratore sui suoi diversi progetti, “campagna di umore interno” ecc. Non ti dimenticherai di nulla!

Furious centralizza anche tutta la gestione delle assenze: con un clic sul calendario, il tuo collaboratore invia la sua richiesta di ferie o di telelavoro. Semplice per lui, e strategico per te: ottieni statistiche e incroci di dati senza pari. Tutto ciò naturalmente collegato con le paghe.

pages-conges-furious

Furious consente anche di fare il collegamento tra i bisogni del team (tavolo rotto? manca il caffè?) e quelli in grado di rispondere. Un sistema di workflow e notifiche consente il monitoraggio di tutte le richieste e delle risposte fornite.

Perché è essenziale attirare e trattenere i talenti oggi?

Il mercato del lavoro è cambiato significativamente negli ultimi anni. Le aziende si trovano di fronte a nuove sfide e attirare e quindi trattenere i migliori talenti è diventato più cruciale che mai.

L’evoluzione del mercato del lavoro e l'importanza crescente dei talenti

I talenti non sono più solo alla ricerca di uno stipendio competitivo. Cercano aziende che corrispondano ai loro valori, offrano vantaggi sociali interessanti e promettano opportunità di crescita personale e professionale. Il loro ruolo è essenziale per far emergere un’azienda e renderla competitiva.

Qual è uno dei tratti distintivi delle aziende più performanti?

Le aziende che oggi hanno successo implementano strategie di reclutamento efficaci, offerte di formazione continua e piani di cooptazione. Sanno anche utilizzare gli strumenti di marketing e comunicazione per veicolare un’immagine positiva e rafforzare la propria reputazione.

In che modo il ruolo dei manager può influenzare il recruiting e la trattenuta dei talenti?

Un buon management è essenziale per creare un ambiente di lavoro sano e produttivo. Un manager ben formato e dotato degli strumenti giusti può influenzare notevolmente la decisione di un talento di unirsi o restare all’interno di un’azienda.

La strategia di recruiting non si limita all’offerta di lavoro. Le aziende devono lavorare continuamente per rafforzare i loro valori, offrire vantaggi sociali attraenti e garantire una formazione continua per i propri dipendenti. Solo le aziende che comprendono e attuano questi elementi saranno in grado di attirare e trattenere i migliori talenti.

Comprendere e adattarsi alle mutevoli aspettative dei talenti per una migliore fidelizzazione

Investire nella formazione continua è uno dei modi più efficaci per le aziende di garantire la trattenuta dei propri talenti. Offrendo opportunità di crescita e sviluppo professionale, dimostrano il loro impegno verso i propri dipendenti.

  • L’importanza della crescita e dello sviluppo professionale nella trattenuta dei talenti: i talenti cercano aziende che investano su di loro. Un solido piano di formazione dimostra che l’azienda valorizza i propri dipendenti e è disposta a investire nel loro futuro. Questo non solo rafforza la loro retribuzione complessiva ma migliora anche la loro immagine tra i potenziali candidati.

Quali sono le strategie da adottare per distinguersi e reclutare i migliori talenti?

Di fronte a un mercato del lavoro competitivo, è essenziale adottare strategie uniche per attrarre e trattenere i migliori talenti.

  • Implementazione di metodi innovativi per rispondere alle mutevoli aspettative dei talenti: oggi i talenti cercano molto più di semplici vantaggi sociali. Vogliono aziende allineate ai loro valori, dotate dei migliori strumenti e pronte a innovare nella gestione e nel reclutamento.
  • Esempi di approcci unici per attirare e trattenere i talenti: campagne di marketing e comunicazione mirate o l’implementazione di offerte personalizzate possono rendere l’azienda più attrattiva.

Come rispondere alle nuove aspettative dei talenti?

Le aspettative dei talenti cambiano. Per continuare ad attrarre e trattenere, le aziende devono adattarsi.

Comprendere e adattarsi alle mutevoli aspettative dei talenti per una migliore fidelizzazione

Sia che si tratti di retribuzione, gestione, formazione o opportunità di carriera, è essenziale essere all’ascolto e rispondere ai bisogni mutati dei talenti.

In breve, ciò che conta è che quando il tuo obiettivo di reclutamento è fondamentale in un mercato teso, è indispensabile considerare una vera e propria strategia HR, proprio come non considereresti di conquistare nuovi mercati senza una forte strategia commerciale.

Oltre allo stipendio, devi pensare ai vantaggi che sapranno sedurre i tuoi target HR. Poi comunicare efficacemente sul tuo profilo di datore di lavoro, rimanendo coerente con chi sei. Infine, ci sono buoni strumenti come Furious per aiutarti a gestire il tuo reclutamento ma anche il tuo follow-up delle risorse umane!

FAQ - Risposte alle domande più frequenti sul recruitment dei talenti

Cosa attrae i talenti?

I talenti sono attratti da una combinazione di fattori che vanno oltre la semplice retribuzione. Cercano aziende che offrano opportunità di crescita professionale, una cultura aziendale positiva, vantaggi sociali competitivi, un equilibrio tra lavoro e vita personale, nonché valori e una missione allineati con i propri.

Come attrarre e trattenere i talenti?

Per attrarre e trattenere i talenti, le aziende devono:

  • Offrire una retribuzione competitiva e vantaggi sociali attraenti.
  • Investire nella formazione continua e nelle opportunità di sviluppo professionale.
  • Creare una cultura aziendale positiva in cui i dipendenti si sentano valorizzati.
  • Implementare programmi di riconoscimento e ricompensa.
  • Ascoltare e rispondere ai bisogni e alle aspettative dei dipendenti per garantire la loro soddisfazione e il loro coinvolgimento.

Come acquisire talenti?

Acquisire talenti richiede una strategia di reclutamento ben pensata che includa:

  • Una presenza forte su piattaforme di reclutamento e social network professionali.
  • Offerte di lavoro chiare e accattivanti che mettano in evidenza i vantaggi di lavorare per l’azienda.
  • Processi di selezione rigorosi che garantiscano l’adeguatezza dei candidati alla cultura aziendale.
  • L’uso di strumenti tecnologici per facilitare e ottimizzare il processo di reclutamento.
  • Una comunicazione trasparente e regolare con i candidati per tenerli informati sullo stato delle loro candidature.

Come attirare i giovani talenti?

Per attrarre giovani talenti, le aziende devono:

  • Comprendere e rispondere alle aspirazioni e alle aspettative della generazione attuale.
  • Offrire opportunità di apprendimento e sviluppo rapido.
  • Proporre ambienti di lavoro flessibili e innovativi.
  • Coinvolgere i giovani talenti attraverso programmi di stage o di apprendistato.
  • Favorire una cultura aziendale aperta, inclusiva e collaborativa dove le nuove idee e la creatività sono incoraggiate.

Chi utilizza il CRM in un'azienda e perché?

Il CRM è utilizzato da vari dipartimenti all’interno di un’azienda, tra cui:

  • Sales: per monitorare i lead, gestire i pipeline delle vendite ed effettuare previsioni.
  • Marketing: per segmentare i clienti, condurre campagne mirate e analizzare il ritorno sugli investimenti.
  • Customer support: per gestire i ticket di supporto, monitorare le interazioni con i clienti e migliorare la soddisfazione del cliente.
  • Direzione: per avere una visione d’insieme delle performance aziendali e guidare le decisioni strategiche.

 

L’uso di un CRM consente una migliore organizzazione, una comunicazione migliorata e una presa di decisioni informata basata su dati precisi.

logo Furious

Inscrivez-vous à notre newsletter

Vous recevrez chaque mois toute l’actualité de FURIOUS