Come si fidelizzano i freelance?

Nel settore della comunicazione (ma non solo), il ricorso a partner indipendenti (alias freelance) è piuttosto comune.

Alcune aziende lo accettano, altre no, ma non è questo il punto.

La vera sfida per tutti è la stessa: come mantenere i contatti e fidelizzare i freelance con cui ci piace lavorare? Quelli che ci aiutano a vincere le gare e che sono così simpatici che li invitiamo ogni anno alla cena di Natale. Insomma, quelli che fanno (quasi) parte della “famiglia” dell’ufficio.

Perché, diciamocelo, l’invito annuale a champagne e pasticcini non è necessariamente sufficiente a fare del freelance Pedro il nostro partner sicuro.

E dal suo punto di vista è la stessa cosa: come può essere sicuro che non saremo infedeli (o non molto)?

È qui che entra in gioco uno strumento come Furious.

Elencare, centralizzare e condividere

Prima di tutto, un buon omaggio è come un buon piano di vendita: lo si condivide con parsimonia, o perché si teme che non sia disponibile quando serve, o perché è diventato così ovvio che non si pensa più a parlarne, tranne quando Alice va in giro per l’agenzia con i biscotti come offerta…

Ma nella stessa azienda è meglio condividere le informazioni, soprattutto quando questo ci permette di aumentare la qualità fornita.

È interessante anche il fatto che, nella pluralità dei profili dei partner, chiunque possa individuare e contattare LA perla rara in 3D motion (ad esempio) senza dover fare il giro degli uffici ( soprattutto perché al momento non siamo tutti presenti) o spammare tutti con richieste via e-mail/slack.

Quando abbiamo pensato a Furious, ci è sembrato essenziale poter elencare e taggare chiaramente i partner indipendenti con cui i nostri clienti lavorano in base alle loro competenze.

Tutte le informazioni di contatto, il TJM, il portfolio, gli incarichi precedenti, ecc. sono così a disposizione di tutti i team, che possono individuare – senza disturbare il mondo intero – il freelance più adatto al progetto in due clic.

A quel punto non resta che inserirlo nel programma.

Integrazione completa

Alcuni freelance – come abbiamo detto nell’introduzione – sono a volte così integrati che è difficile immaginare di poterne fare a meno. E anche se, per un motivo o per l’altro, tengono alla loro indipendenza, apprezzano una certa “sicurezza” sotto forma di fedeltà a un’agenzia.

In effetti, abbiamo diversi clienti che lavorano in parte con freelance di lungo termine per alcune delle loro attività (a volte anche per un’intera area di competenza).

È quindi ovvio che questi partner, proprio come gli altri dipendenti, debbano essere integrati in Furious, per semplificare e accelerare gli scambi di progetti/pianificazioni.

Con un approccio semplificato, Furious consente di aprire la pianificazione e le pagine dei ticket TODO ai partner esterni senza alcun costo aggiuntivo.

Inoltre, in un approccio più completo, può essere interessante proporre a questi VIP (Very Indispensable Partners) di farsi carico della loro licenza Furious. In questo modo, a fronte di un canone tra i 200 e i 250 euro all’anno e pur mantenendo la propria indipendenza, un libero professionista entra in una partnership privilegiata con il proprio cliente, diventando una risorsa operativa autonoma tramite Furious.

Questo evita ai project manager di dover fare la fatica di pianificare/progettare avanti e indietro, consente una condivisione semplificata delle risorse creative e fidelizza il partner e l’agenzia.

Un interessante vantaggio doppio che alcuni dei nostri clienti e i loro freelance hanno ben compreso!

logo Furious

Inscrivez-vous à notre newsletter

Vous recevrez chaque mois toute l’actualité de FURIOUS