Davy Tessier, CEO di Furious, risponde a BFM Business

Questo fine settimana Davy Tessier, CEO di Furious, ha risposto alle domande di Jeanne Baron, nell’ambito di Hebdo Com su BFM Business.

Quali sono i vantaggi di un ERP come Furious?

Scoprite la sua intervista.

[Jeanne Baron] Qual è lo stato dell’IA nel campo della comunicazione oggi in Francia?

[Davy Tessier] L’IA è uno strumento per gli sviluppatori. Le persone preferiscono raccontarsi che il loro strumento è dotato di IA nello stesso modo in cui preferiscono raccontarsi che hanno un’auto che consuma meno carburante o che hanno l’ultima generazione di fotocamere nel loro telefono.

È il come, ma non il perché.

Il problema principale è l’aspetto proattivo degli strumenti, l’aspetto predittivo. Ottimi strumenti, belli e facili da usare, sono già una gran cosa per molti VSE, ma la sfida per gli anni a venire sarà rappresentata da strumenti che permettano di anticipare o addirittura comprendere i flussi dei clienti e intervenire se necessario.

Su questa strada, l’intelligenza artificiale, ma non solo, può cambiare le carte in tavola.

[JB] È qui che entrate in gioco voi con la vostra perla, Furious, ci parlate della vostra storia?

[DT] Dopo oltre 10 anni in un’agenzia di comunicazione, abbiamo creato uno strumento per la gestione delle società di servizi (agenzie, professioni intellettuali) che fa risparmiare tempo e denaro (sostituisce in media 7 strumenti per i nostri clienti e fa risparmiare circa il 20% del tempo per ogni professione).

Processi e strumenti ben gestiti contribuiscono direttamente alle performance di un’azienda… o alle tragedie.

Di solito, i nostri clienti si rivolgono a noi in due circostanze: nella fase di crescita per strutturare l’azienda e acquisire un feedback sulle migliori pratiche del settore… o a seguito di un disastro operativo che non avevano previsto.

Con Furious, è impossibile perdere denaro senza essere avvertiti dallo strumento prima di perderlo!

[JB] Quali sono le offerte innovative che offrite alle aziende?

[DT] Con il senno di poi, ci sono 3 modi principali di organizzare la propria attività di servizi:

1/Molti strumenti diversi: si ha il meglio in ogni settore, ma al di là di una particolare struttura aziendale è una trappola > difficile è riconciliare i dati in modo rapido e proattivo. Impossibile fare delle correlazioni.

Questa è spesso la soluzione scelta da chi non sa di non sapere. Un problema, uno strumento; molti strumenti > problemi.

2/ Uno strumento di gestione globale (ERP) pensato più per la finanza. Gli indicatori principali sono perfezionati, ma in generale i team operativi li criticano per la loro logica contabile e per il fatto che non si adattano molto bene alla gestione quotidiana delle relazioni con i clienti.

3/Strumenti di gestione generale progettati dalle operazioni e che hanno acquisito funzionalità finanziarie. Sono le nuove generazioni di strumenti, di cui fa parte Furious, che permettono di accelerare queste operazioni, di creare correlazioni, in breve di avere un pilota automatico a bordo dell’aereo.

Di conseguenza, Furious incorpora naturalmente tutti gli strumenti necessari alla gestione dell’impresa di servizi

-Prospezione previsionale

– Gestione della rete commerciale

– Gestione dei progetti

– Pianificazione

– Fatturazione

– Gestione delle offerte

– Acquisti

– Rapporti di spesa

e le RU per gestire la qualità delle risorse umane.

[JB] Quali sono i vostri obiettivi per questo anno speciale?

[DT] Stiamo aggiungendo continuamente altri connettori a Furious per poter servire più clienti.

Stiamo implementando nuovi strumenti predittivi che aiutano i nostri clienti ad anticipare le performance di fine anno e a prendere le giuste decisioni organizzative e operative.

Ad esempio, lo strumento è in grado di suggerirvi di rinforzare i vostri team per un problema operativo, settimane prima che il problema si verifichi.

In breve, una fine d’anno Furious in prospettiva!

logo Furious

Inscrivez-vous à notre newsletter

Vous recevrez chaque mois toute l’actualité de FURIOUS