I 20 ERRORI PIÙ COMUNI NELLA GESTIONE AZIENDALE

Poiché è bene imparare dai propri errori, ma è più conveniente imparare da quelli degli altri, Davy Tessier, CEO e fondatore di Furious Squad, condivide la sua esperienza e quella degli altri!

Manager e direttori, ecco i 20 errori più comuni nella gestione di un’agenzia. Vi abbiamo avvertito!

GLI ERRORI PIÙ COMUNI SUL LATO COMMERCIALE

  • Non padroneggiare i tempi del canale commerciale: decine di tavoli, ore di riunioni, litri di caffè, battute di Jipé e ancora nessuna intuizione… E naturalmente gestire la pianificazione all’ultimo momento, altrimenti non è divertente.
  • Non conoscere in tempo reale il costo esatto di una prevendita: è comunque utile per confrontarlo con la probabilità di guadagno e per evitare il burn-out di Sylvie, che oltretutto non porterà un centesimo.
  • Non registrare e analizzare i motivi per cui si perde una gara, mentre un semplice grafico mostra rapidamente a fine anno dove non si è bravi. Questa è la base!
  • Non tracciare il tasso di trasformazione. Questo sarebbe però utile. Perché a ipotizzare, ci sono vere e proprie lacune insospettabili (settoriali, di clienti, commerciali o di offerte).

GLI ERRORI PIÙ COMUNI SUL FRONTE DELLA PRODUZIONE

  • Moltiplicare gli strumenti di gestione del progetto. Ognuno ha il suo strumento e il suo metodo. Di conseguenza, è impossibile consolidare e capire che le cose stanno andando male prima che sia troppo tardi… Ahi!
  • Centralizzare la pianificazione su una sola persona. Il responsabile del traffico è spesso colui che in ultima analisi si occupa della pianificazione per gli altri, invece di risolvere i conflitti. Questo crea un collo di bottiglia che è spesso causa di lentezza, ritardi e una totale mancanza di visione d’insieme oltre la settimana di pianificazione.
  • Non conoscere la redditività di un progetto. Raramente le agenzie sono in grado di dire con precisione se stanno guadagnando o perdendo denaro con i loro progetti, e ancora meno se guadagneranno o meno nel caso delle prevendite.
  • Non monitorare la produzione in anticipo (molte agenzie la controllano di solito sulla base della fatturazione). Il risultato: vere e proprie discrepanze di gestione e un dicembre che, per coincidenza, è il mese migliore dell’anno per la contabilità. #OnVousVoit.
  • Non collegare gli acquisti a un progetto. Questo impedisce di conoscere il costo reale di un progetto e quindi di sapere chi ci guadagna e chi ci perde.
  • Non monitorare la qualità dei progetti. Poche agenzie pensano di associare valutazioni qualitative ai loro progetti in modo automatizzato (ad esempio, sondaggi tra i clienti).

GLI ERRORI PIÙ COMUNI SUL FRONTE DELLE RISORSE UMANE

  • Chi c’è oggi? È una frase che si sente spesso nelle agenzie e che testimonia la mancanza di strumenti per la gestione del telelavoro…
  • Paura di fare rapporto tra i team. È sorprendente sentire troppo spesso che i team temono l’implementazione di un nuovo strumento perché potrebbe rivelare cose poco lusinghiere alla direzione. Al contrario, è anche un’opportunità per mettere in luce l’efficacia di chi è meno ascoltato.
  • Collegare una persona a più manager: è l’ABC degli errori manageriali.
  • Non scrivere e definire gli obiettivi individuali. Quante persone nelle agenzie non hanno un obiettivo chiaro assegnato dal loro management? È molto utile sapere dove si sta andando.
  • Non monitorare la soddisfazione dei dipendenti in modo automatico. Chi chiede ai propri team la loro opinione sui progetti o sulle condizioni di lavoro? Et combien de managers découvrent (trop tard) ledit avis sur Twitter ou en story Instagram ?
  • Non essere reattivi alle richieste quotidiane dei dipendenti per fornire loro gli strumenti giusti per lavorare correttamente (attrezzature…). Oltre a renderli più efficienti, questo aiuta anche a ridurre il turnover, che è troppo alto nelle agenzie. Un dipendente che si sente ascoltato è un dipendente che vorrà rimanere.

GLI ERRORI PIÙ COMUNINELLA FINANZA

  • Fare troppo: codici di contabilità per tipo di progetto che richiedono re-inserimenti in tutte le direzioni, per esempio, trattenendo le società ad ogni passo… SEM-PLI-CI-TÀ, vi diciamo.
  • Non avere grafici di anticipazione (cassa, performance…).
  • Non automatizzare (fatturazione, solleciti, solleciti interni). In questo modo si evitano sviste, oltre a risparmiare tempo.
  • Non sapere come classificare i clienti (margine lordo vs. redditività, dipendenza…).

Vi riconoscete in alcuni di questi errori? Cambiate i vostri metodi! Questo periodo è l’occasione perfetta per smuovere le linee e i processi, per mettere in discussione l’organizzazione e per interagire maggiormente con i vostri team e i vostri clienti.

Contattaci!

Questo articolo è stato condiviso su Stratégies il 25 agosto 2020.

logo Furious

Inscrivez-vous à notre newsletter

Vous recevrez chaque mois toute l’actualité de FURIOUS